Il Lago di Vagli ed il suo Borgo Fantasma

Il Lago di Vagli, nel cuore della Garfagnana, è stato formato artificialmente nel 1947 con lo sbarramento del torrente Edron e la conseguente costruzione di una diga.

  • Il viaggio è durato 1 Giorno
  • Budget speso Da 1€ a 250€
  • Ho viaggiato In coppia
  • Continenti visitati: Europa
  • Stati visitati: Italia
  • Viaggio fatto in primavera
  • Scritto da maybeifindmyself.com il 12/06/2018
Mostra tutte
  1. Giorno 1

    La diga, alta 92 metri, è capace di contenere oltre 30 milioni di metri cubi di acqua, che sono gli stessi che oggi coprono Fabbriche di Careggine, il borgo fantasma sommerso dal lago.
    Sì, perché esattamente dove fu deciso di costruire il più grande bacino idroelettrico della Toscana, sorgeva un borgo di fabbri e ferrai bresciani. Il villaggio ospitava una trentina di case e poco meno di 150 abitanti, che furono evacuati e trasferiti nel vicino Vagli Sotto, situato sul promontorio del lago.

    Il piano era di far riemergere il paese fantasma dalle acque ogni 10 anni con lo svuotamento della diga, ma fino ad oggi è successo solo quattro volte: nel 1958, nel 1974, nel 1983 e nel 1994. In queste quattro occasioni è stato possibile per i turisti vedere le case ancora in piedi, il ponte, la chiesa di San Teodoro con il suo campanile ed il cimitero... ma questo non è il caso di oggi.
    Quello che ho potuto vedere visitando il lago di Vagli non è stato però meno stupefacente. Il paesaggio tutto intorno è meraviglioso, la vegetazione fa da padrona, permettendo ai visitatori di immergersi totalmente in questo paradiso naturale.

    Oggi la zona ha preso il nome di Parco di Vagli, ed è visitabile acquistando un biglietto al costo di 2€. La visita consiste in un giro intorno al perimetro del lago che inizia da una piccola zona con alcuni animali e prosegue verso il curioso Parco dell'Onore e del Disonore, abitato da statue di marmo dal valore simbolico che rappresentano personaggi onorevoli e disonorevoli (incontrerete Schettino corredato di orecchie da coniglio, il cane poliziotto Diesel e, se siete fortunati, anche l'unicorno con la valigia).

    Più avanti potrete attraversare il suggestivo Ponte Tibetano in legno e acciaio, inaugurato nel giugno 2016, e giungere fino al promontorio che ospita Vagli Sotto, piccolo e caratteristico paesino.

    La visita è economica e molto piacevole, vi permetterà di fare una camminata immersi nella natura e di fantasticare sulla "vita" al di sotto dell'acqua. Inoltre se capitate in zona in periodo in cui il livello dell'acqua è più basso potete sperare di vedere affacciarsi in superficie quel che resta del campanile.

Lasciati ispirare, guarda altri diari di viaggio