Cosa vedere a Ravenna in un pomeriggio: street art

C'è una Ravenna che non tutti conoscono.
Una Ravenna nascosta, abbellita dai murales realizzati durante le edizioni di Subsidenze - il festival della street art.
Una Ravenna che in un solo pomeriggio si può ammirare in sella a una delle bici gialle che lo IAT della città mette a disposizione dei turisti.

  • Il viaggio è durato 1 Giorno
  • Budget speso Da 1€ a 250€
  • Ho viaggiato Con gli amici
  • Continenti visitati: Europa
  • Stati visitati: Italia
  • Viaggio fatto in autunno
  • Scritto da Antonietta & Valeria il 01/11/2016
Mostra tutte
  1. Giorno 1

    Pedalata dopo pedalat, cominciando dalla zona vicina all'ex ippodromo si incrocia Tellas, street artist sardo.
    In via Umago, ci si può far trasportare dai suoi elementi naturali: foglie, acqua, sassi e rami tracciati con linee sottili e precise in un movimento dall'alto verso il basso.

    Girando l'angolo, si ha la sensazione di volare verso l'ignoto sulle ali di un uccello bendato – realizzato dall'artista Qbic, canticchiando "Un viaggio a senso solo senza ritorno se non in volo, senza fermate né confini, solo orizzonti neanche troppo lontani".

    Vi può sembrare di conoscere le stesse persone che Jim Avignon ha incrociato durante la sua permanenza in quello che è uno dei quartieri multietnici di Ravenna e poi impresse sulla fiancata del palazzo in via Gulli.

    Se come me siete degli inguaribili lovers, potete riscoprire il lato romantico dell'amore di fronte agli amanti robotizzati di Pixel Pancho, in via Trieste.
    Amanti stretti in un abbraccio al di fuori del mondo e in un bacio senza tempo.

    E si, se odiate i piccioni, il vostro odio può riemergere guardando dritto negli occhi quello blu, realizzato da Dzia – in una via laterale della Darsena – che vi guarda con un'aria di sufficienza.

    Nel settimo centenario della morte del Somma Poeta potete reinterpretare Dante in chiave moderna grazie al murales di Kobra sul muro della Scuola Mordani in via Pasolini.

Lasciati ispirare, guarda altri diari di viaggio